Copiare le copertine dei libri: un vizio molto diffuso

Steve Jobs è stata una delle menti più geniali del nostro secolo e di conseguenza molti hanno pensato di copiare la sua copertina sfruttando quel meccanismo psicologico per cui una simile posizione vicina ad un leader genera un’ impressione positiva.

È la stessa cosa che accade quando tutti noi ci scattiamo un selfie con i personaggi famosi: essere fotografati vicino a qualcuno di importante genera un’impressione positiva da condividere con gli altri per aumentare quell’ego effimero e subitaneo. Ma copiare contenuti è da gente povera di inventiva, spesso ignorante, incapace di creare qualcosa di originale. Sfruttando pertanto la PNL cercano di aumentare le vendite dei loro prodotti (spesso anche sovra prezzati, perché si devono pagare le centinaia di sponsorizzazioni su Facebook del loro libro) pieni di contenuti scontati, monotoni, ripetitivi e che si trovano gratuitamente su internet. Insomma adesso vi basta analizzare la copertina di un libro per non comprare più i “copiaticci”.

Aggiungi Seremailragno.com al tuo feed di Google News
per poter restare sempre aggiornato sulle ultime notizie.
Per contatti e/o segnalazioni redazione@seremailragno.com.
Copyright © 2014-2024. All rights reserved.
Creative Commons – CC BY-NC-ND 4.0

About The Author