La Costa Concordia affondava il 13 gennaio 2012

La Costa Concordia affondava il 13 gennaio 2012

La Costa Concordia è stata una nave da crociera della compagnia di navigazione Costa Crociere, capostipite della Classe Concordia, varata nel 2005 e naufragata il 13 gennaio 2012 all’Isola del Giglio. Anche quest’anno ci sarà una giornata di commemorazione per le vittime di quel tragico evento.

  1. Rimozione del Carburante: prima di iniziare il sollevamento della nave, è stato necessario rimuovere il carburante a bordo per evitare potenziali danni ambientali. Il tutto è stato completato con successo per prevenire eventuali perdite di petrolio.
  2. Operazione di Parbuckling (Rotazione): la fase più complessa dell’operazione è stata il parbuckling, che è il termine tecnico per la rotazione della nave dal lato dove era arenata al lato opposto. Questo è stato fatto posizionando enormi cuscini d’aria e cassoni di acciaio sul lato sommerso della nave. L’acqua è stata pompata dai cassoni d’acciaio, generando così una forza di galleggiamento per far ruotare lentamente la nave in posizione verticale.
  3. Posizionamento di cassoni d’acciaio: una volta che la nave è stata riportata in posizione verticale, sono stati installati cassoni d’acciaio, noti come “caissons”, sul lato sommerso della nave. Questi cassoni sono stati utilizzati per creare una sorta di piattaforma di galleggiamento per sostenere la nave durante le fasi successive del recupero.
  4. Sollevamento della nave: dopo il posizionamento dei cassoni d’acciaio, è stata condotta un’operazione di sollevamento idraulico per far emergere completamente la nave dall’acqua.
  5. Traino e smantellamento: una volta che la Costa Concordia è stata sollevata e fissata, è stata trainata verso un cantiere navale appropriato per lo smantellamento. Lì, la nave è stata smantellata in diverse fasi.

È stata la nave passeggeri di più grosso tonnellaggio ad aver subito questa malaugurata sorte. A dodici anni dalla tragica sera in cui la Costa Concordia finì contro un gruppo di scogli che ne sventrarono una fiancata, determinando il naufragio e la morte di 32 persone, si può dire che con quel gioiello della cantieristica dove migliaia di persone stavano godendosi le loro vacanze ed altre facevano di tutto per renderle felici, a fare naufragio fu l’orgoglio di un Paese che finì su tutte le pagine della stampa mondiale. Siamo capaci di grandi costruzioni e grandi distruzioni.

Cena di gala del novembre 2011: a pochi mesi dall’affondo

Il comandante Francesco Schettino è di spalle nel tavolo sotto le scale con la famiglia (la moglie e le due figlie) ed altri membri di comando dell’equipaggio. Non è ben visibile nel video a causa della copertura della scalinata. Il video è stato registrato 2 mesi prima del tragico evento, dove la Concordia affonderà. Rappresenta quindi una testimonianza sopravvissuta nel tempo.

Si può notare l’atmosfera costruita a tavolino di esaltazione ed ostentazione parecchio trash, dove si spinge l’hype a livelli esagerati, a tratti veramente patetici. Comprendi l’illusione solo a posteriori. Le crociere esaltano in maniera spropositata le discrepanze sociali (proprio come sul Titanic).

Rappresentano la ciliegina sulla torta del processo di globalizzazione che usa manovalanza a basso costo, prettamente Filippina.

Partecipando si alimenta questo sistema consumistico senza un vero e proprio senso, ad alto impatto ambientale. L’augurio è che possiate scegliere un viaggio più consapevole, con meno finzione, meno ostentazione, più natura e più realtà senza appannaggi costruiti.

Aggiungi Seremailragno.com al tuo feed di Google News
per poter restare sempre aggiornato sulle ultime notizie.
Per contatti e/o segnalazioni redazione@seremailragno.com.
Copyright © 2014-2024. All rights reserved.
Creative Commons – CC BY-NC-ND 4.0

About The Author