Inquinamento dell’aria nella Provincia di Fermo

Inquinamento dell’aria nella Provincia di Fermo

Era una domenica mattina quando mi alzai presto e decisi di andare a fare un video esplorativo sulla stazione automatica di controllo ambientale (della Project Automation) non funzionante da diversi anni, sita a Campiglione di Fermo (nella via parallela alla strada che porta alla chiesa di San Gabriele, ovvero Via Marcello Gallo). Ma era veramente possibile che non funzionasse da anni e anni? Purtroppo dall’azienda produttrice non abbiamo avuto risposte in merito alla tipologia di stazione ed al tipo di controlli effettuati. Chiedere è lecito, rispondere è cortesia.

Il sistema regionale di controllo della qualità dell’aria

Basta collegarsi al sito dell’ARPAM e vedere le varie stazioni presenti nelle province marchigiane ad esclusione della più giovane Provincia di Fermo. Esistono 3 tipologie di stazioni:

  • stazioni di misurazione di TRAFFICO: stazioni ubicate in posizione tale che il livello di inquinamento sia influenzato prevalentemente da emissioni da traffico, provenienti da strade limitrofe con intensità di traffico medio alta
  • stazioni di misurazione di FONDO: stazioni ubicate in posizione tale che il livello di inquinamento non sia influenzato prevalentemente da emissioni da specifiche fonti (industrie, traffico, riscaldamento residenziale, ecc.) ma dal contributo integrato di tutte le fonti poste sopravento alla stazione rispetto alle direzioni predominanti dei venti nel sito
  • stazioni di misurazione INDUSTRIALE: stazioni ubicate in posizione tale che il livello di inquinamento sia influenzato prevalentemente da singole fonti industriali o da zone industriali limitrofe

e possiamo vedere come al momento siano presenti nelle Province:

  • Pesaro e Urbino hanno 3 stazioni di rilevamento
  • Ancona ha 9 stazioni di rilevamento
  • Macerata ha 3 stazioni di rilevamento
  • Ascoli Piceno ha 4 stazioni di rilevamento
  • Fermo ha 0 stazioni di rilevamento

Stazione di controllo della qualità dell’aria non funzionante

Ci troviamo difronte a due grandi problemi:

La mancanza di informazione (pochissimi sanno che esiste questa stazione di rilevamento dell’aria forse manco l’Arpam lo sa!) è causata da mancati servizi giornalistici. I giornali si sono “imparaculati” puntando sulle notizie di cronaca che sono più remunerative da un punto di vista di clickbait, quindi di rank sul web e perciò di denaro. Questo aspetto ha deviato il giornalismo sempre più politicizzato e di maggioranza. Oggi i giornalisti d’inchiesta sono veramente pochi perché il liberismo ha stroncato il vero giornalismo: molte più notizie per tutti e gratis ma di qualità nettamente peggiore. E questa cavolo di stazione meriterebbe un’inchiesta con i controcazzi (invece di rimane abbandonata a se stessa nell’incuria comune). Potete fare una semplice ricerca su Google e vi accorgerete che non vi è traccia (ma ora la traccia la lasciamo noi, non si sa mai cambi qualcosa). E quando diciamo non vi è traccia intendiamo proprio niente.

Il menefreghismo misto ad assurdo: come facevamo a sapere che non funzionava? Avevamo partecipato a diverse riunioni quando si intraprese il VIA (valutazione impatto ambientale) richiesta nell’iter burocratico per poter realizzare l’inceneritore (noi la parola bio non ce la mettiamo perché fuori luogo e aberrante). Ebbene i dati del rilevamento riguardanti l’inquinamento ambientale furono presi (udite bene) dalla stazione di rilevamento di Civitanova Marche!

Il che è abbastanza assurdo data la distanza dei due luoghi. Poi la vicenda centrale, ringraziando Iddio, fu chiusa definitivamente (clicca qui). Ricordiamo come colui che si immolò per salvarci, mettendosi contro la multinazionale, ovvero l’allora assessore all’ambiente Elmo Tappatà, per dei volantini fu messo alla croce con l’accusa di procurato allarme, denunciato per diffamazione dalla ditta costruttrice, condannato al pagamento di 2.500€ (ricorda una storia di circa 2000 anni fa). Riportiamo anche il forte impegno del professore Daniele Postacchini e di molti altri oppositori.

L’appello alle istituzioni

Cerco di saperne di più contattando l’Arpam di Fermo

L’inchiesta va avanti da diversi anni. Quando nel 2015 contattai per email l’Arpam di Fermo mi rispose un signore che per motivi di privacy oscuriamo. Invece di fornire delle risposte concrete alle mie domande glissò dicendomi di rivolgermi al dipartimento provinciale di Ancona (che interpellato non rispose all’email). Con l’emanazione del D.lgs 155 del 13/08/2010 (Gazz. Uff. 18/09/2010 n. 216 S.O.) le funzioni di monitoraggio e valutazione della qualità dell’aria ambiente sono diventate di competenza delle regioni.

Come se un buco nero avesse risucchiato tutte le informazioni della stazione di rilevamento dell’aria. Continueremo a cercare.


Senza dati e senza analisi sull’inquinamento il futuro è a rischio

L’assenza di dati determina delle forti criticità perché non permette di avere degli storici per effettuare delle comparazioni con gli anni passati e vedere l’evoluzione dell’inquinamento.

La progettazione pubblica, come ad esempio il piano regolatore, deve tenere conto di tali dati. Insomma, la mancanza di controllo della qualità dell’aria nella Provincia di Fermo è un problema molto grande, troppo sottovalutato anche in vista della costruzione di centrali a biomasse.