Rapina in casa Facchinetti: parla il figlio Francesco e si sfoga

Le parole di Francesco Facchinetti affidate ai social dopo la rapina subita in villa dalla famiglia Facchinetti: “In tanti mi stanno scrivendo ed in tanti me lo state chiedendo mio padre, mio fratello e mia sorella hanno subito in casa una rapina a mano armata. Una di quelle cose brutte che vorresti non capitasse mai nella vita, che vedi solamente nei film e pensi che non possa succedere ed invece capita. Fortunatamente nonostante la follia della cosa stanno bene. Cosa posso dire? Posso dire che sono molto triste ed amareggiato di come si è trasformato il nostro paese. Qualcuno dice beh voi avete la villa, siete ricchi per questo entrano in casa vostra. Cazzata, cazzata! Non è una condanna avere una villa, aver guadagnato i soldi onestamente ed io mi devo sentire libero e sicuro nel paese dove vivo. In più l’ho ripetuto migliaia di volte È UNA VERGOGNA che in un paese con la pressione fiscale del 60% noi non ci sentiamo sicuri. Bravi Stato, siete bravissimi complimenti, siete bravissimi! Al governo la destra e la sinistra sono degli incapaci a mantenere l’ordine, a fare politica. Siete solo buoni a fare propaganda politica perché interessa solo il vostro culo! Allora chi può come ho fatto io va ad abitare in qualche altra parte. Questo è il motivo per cui siamo andati ad abitare in Svizzera. Io non voglio crescere i miei figli in un paese dove non possono essere liberi, dove non possono uscire di casa, dove ho paura a farli andare al campetto, ho paura di lasciare i miei figli e mia moglie a casa da sola. Non voglio più questo, allucinante. Quindi per concludere complimenti a voi incapaci, capre incapaci. Avete reso il paese più bello del mondo un paese insicuro, dove c’è da aver paura, capre e ignoranti…anzi le capre sono più intelligenti di voi. Siete incapaci voi che avete governato questo paese per trent’anni, guardatevi allo specchio e fatevi schifo.”