Chiude il Mercatone Uno di Civitanova Marche

Chiude il Mercatone Uno di Civitanova Marche

Chiusura del Mercatone Uno e operai a casa. Civitanova Marche si sveglia con un’altra chiusura di un grande stabilimento storico. Operai senza lavoro nel silenzio delle istituzioni che non portano avanti i valori del lavoro e della giustizia sociale. La protesta dei lavoratori ha portato ad appendere striscioni eloquenti.

Tutto chiuso: addio al Mercatone Uno

Il marchio che per anni è stato tra i più importanti nel settore dei mobili, è chiuso dal maggio 2019, quando fu dichiarato il fallimento della Shernon, la holding che deteneva il gruppo. Così anche i 44 dipendenti di Civitanova Marche sono stati licenziati. I grandi brand made in Italy storici stanno chiudendo i battenti o vengono venduti alle multinazionali estere.

Prima di ogni fallimento solitamente c’è sempre un giro di compravendite e passaggi poco chiari che servono per scopi di distrazione di denaro. Non sappiamo se sia questo il caso. La Shernon Holding, aveva comprato 55 punti vendita, la struttura amministrativa di Imola  e la piattaforma logistica di San Giorgio di Piano (Bologna) della catena di arredamento Mercatone Uno, impegnandosi anche a conservare tutti i posti di lavoro (si veda altro articolo di BeBeez), è stata dichiarata fallita dal Tribunale di Milano lo scorso a maggio.

Mercatone Uno Civitanova Marche
Mercatone Uno Civitanova Marche: gli striscioni appesi dai lavoratori avvisati dai social.

Aggiungi Seremailragno.com al tuo feed di Google News
per poter restare sempre aggiornato sulle ultime notizie.
Per contatti e/o segnalazioni redazione@seremailragno.com.
Copyright © 2014-2024. All rights reserved.
Creative Commons – CC BY-NC-ND 4.0

About The Author