La focaccia marchigiana: cacciannanze

La focaccia marchigiana: cacciannanze
consigliato-da-seremailragno
Consigliato da seremailragno

La ricetta della cacciannanze ha origini lunghissime che riportano ai tempi in cui il pane per le famiglie veniva fatto nel forno a legna (tradizionale) di casa propria. La parola caccia-annanze nel dialetto marchigiano si traduce in cacciata innanzi, cioè sfornata prima del pane. Infatti le prime cotture di prova venivano utilizzate per controllare la temperatura del forno: se la temperatura era giusta, dopo avere sfornato la cacciannanze si poteva procedere a togliere tutta la brace, pulire con uno straccio (denominato munnulu) il piano di cottura e quindi infornare il pane.

A Valmir abbiamo provato la cacciannanze di Marisa perfetta sotto ogni aspetto, di una croccantezza e sapore unico. La masticazione diventa quasi un’esperienza mistica, di quelle che ti fanno chiudere gli occhi esclamare muhhhhh e far girare la mano più volte in segno di “quanto è bona“. Grazie Marisa per l’ospitalità e per le innumerevoli portate di pizza, pesce, agnello, affettato, papalina, spiedini, and so on.

Aggiungi Seremailragno.com al tuo feed di Google News
per poter restare sempre aggiornato sulle ultime notizie.
Per contatti e/o segnalazioni redazione@seremailragno.com.
Copyright © 2014-2024. All rights reserved.
Creative Commons – CC BY-NC-ND 4.0

About The Author